Art. 10 - Altre attività formative (DM 270/2004, art. 10, comma 5)

  • PDF

Attività a scelta dello studente

Ulteriori attività formative

Prova finale

Attività a scelta dello studente

Al fine di garantire un efficace percorso formativo il curriculum offre limitate possibilità di scelta. Come indicato nell’articolo 8 (ordinamento didattico), il piano di studi del corso di laurea magistrale prevede l’inserimento di due moduli didattici a scelta dallo studente, per un totale di 12 CFU.

La scelta dei moduli didattici deve essere effettuata in coerenza con il piano formativo generale. Per questo il Consiglio di Corso di Studio è chiamato a verificare tale requisito nel piano di studio compilato dallo studente per approvazione.

Ulteriori attività formative

I CFU ottenibili per attività formativa svolta dallo studente durante il Corso di Laurea Magistrale sono pari a 6. Per sostenere le attività formative occorre accordarsi con un docente relatore. In particolare, per il corso di laurea magistrale, le attività formative corrispondono tipicamente ad attività di tirocinio (stage) centrate su temi energetici svolte presso imprese, amministrazioni pubbliche, enti pubblici o privati ivi compresi quelli del terzo settore, ordini e collegi professionali. L’impegno profuso dallo studente nell’attività formativa deve essere corrispondente ad un numero di ore di lavoro non inferiore a 75. Nel caso di stage, questo deve avere una durata comunque non inferiore ad 8 settimane.

Lo studente può inoltre far richiesta di svolgere altro tipo di attività formativa quali:

  • attività formative in uno o più ambiti disciplinari affini o integrativi a quelli di base e caratterizzanti, anche con riguardo alle culture di contesto e alla formazione interdisciplinare;
  • attività formative propedeutiche alla preparazione della prova finale per il conseguimento del titolo di studio;
  • attività formative volte ad acquisire abilità informatiche e telematiche, relazionali, o comunque utili per l'inserimento nel mondo del lavoro, nonché attività formative volte ad agevolare le scelte professionali, mediante la conoscenza diretta del settore lavorativo cui il titolo di studio può dare accesso, tra cui, in particolare, i tirocini formativi e di orientamento di cui al decreto 25 marzo 1998, n. 142, del Ministero del lavoro.

Tali richieste devono comunque essere approvate dal Presidente del Consiglio di Corso di Studio. Resta valida la necessità di accordarsi con un docente relatore.

Modalità di attestazione e verifica delle attività formative

Al termine delle attività formative sarà premura dello studente far compilare al docente relatore l'attestato sull'attività formativa svolta, che dovrà essere consegnato in Segreteria Didattica nell'orario di ricevimento almeno un mese prima della seduta di laurea in cui lo studente intende laurearsi. Il modulo relativo è disponibile nella sezione Modulistica del sito web del corso di studio in Ingegneria Energetica.

Modalità di verifica dei risultati degli stage e dei tirocini e relativi crediti formativi

È consigliabile che lo stage venga attivato tramite una procedura interna d’Ateneo che ufficializzi il rapporto di convenzione tra l’organizzazione ospite e l’Ateneo e che definisca nello specifico i contenuti dell’esperienza di stage proposta.

I risultati dei periodi di stage o tirocinio in Aziende o Enti Pubblici o assimilabili vengono verificati attraverso la compilazione, da parte dell’Azienda o Ente ospitante lo studente, di un attestato di valutazione dell’attività svolta, comprensivo di una sintetica descrizione della stessa e dell’indicazione del numero di ore di impegno profuso dallo studente. Detto attestato, firmato e datato dal tutor aziendale dello stage, dovrà essere consegnato dallo studente alla Segreteria Didattica unitamente ad un modulo compilato dal docente relatore.

Allo studente vengono accreditati un numero di CFU commisurati all’impegno profuso nello stage, fermo restando il limite massimo di 3 CFU. Tutte le informazioni circa i contatti, procedure e modulistica sono disponibili sul sito http://stage.uniroma2.it.

Prova finale

Il conseguimento della laurea magistrale comporta il superamento di una prova finale, alla quale sono assegnati 12 CFU, secondo modalità definite dalla Facoltà di Ingegneria. Tale prova consiste nell’elaborazione e discussione di una tesi, assegnata da un docente della Facoltà, che sarà il relatore.

La tesi, che potrà essere svolta in uno dei Dipartimenti dell’Ateneo, presso Enti di ricerca, presso Aziende o altre istituzioni idonee, ha lo scopo di integrare le conoscenze acquisite nei vari corsi e di verificare la maturità raggiunta dal candidato.

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Marzo 2012 13:40

You are here Regolamento Didattico Laurea Magistrale Art. 10 - Altre attività formative (DM 270/2004, art. 10, comma 5)