Misure, Controllo e Diagnostica dei Sistemi Energetici

  • PDF

Informazioni generali

  • Anno di corso: 2
  • Semestre: 1
  • CFU: 9

Docente responsabile

Giuseppe Leo GUIZZI

Programma del corso

  • Criteri di similitudine e loro utilizzo nel progetto, verifica e sperimentazione in scala ridotta ed in scala 1:1 nelle macchine dinamiche operatrici e motrici e nelle apparecchiature di scambio termico. Similitudini (geometrica, cinematica, dinamica, agli scambi termici, etc.) ed associati indici di forma. Gruppi adimensionali di variabili; parametri "corretti" e loro utilizzo.
  • Definizione dei parametri caratteristici prestazionali di macchine ed apparecchiature e correlazioni esistenti tra di loro. Curve caratteristiche dimensionali ed effettive.
  • "Fuori progetto" delle turbomacchine motrici e operatrici (pompe e turbine idrauliche, compressori ed espansori a gas e a vapore); di apparecchiature di scambio termico a convezione e ad irraggiamento e applicazione a condensatori, rigeneratori, GVC e GVR; di sistemi energetici con applicazione alle TG mono e bialbero, agli impianti a vapore e ai cicli combinati.
  • Lineamenti e implicazioni fenomenologiche alla base della regolazione di componenti e di sistemi di conversione termomeccanica dell’energia.
  • Strumentazione industriale impiegata e misure rilevate in campo sui sistemi energetici (componenti, apparecchiature, macchinario): problemi di affidabilità e precisione degli strumenti e di attendibilità e "deriva" delle misure di principale interesse (temperature, pressioni, portate, potenze).
  • "Trattamento" delle misure ai fini del controllo degli impianti: "gerarchie" di attendibilità, "ridondanza" dei punti di prelievo, procedure e metodi per il rilievo di incongruenze e per la "riconciliazione" delle misure rilevate in campo.
  • Utilizzo delle misure per la verifica delle prestazioni dei sistemi energetici: collaudo (metodologie, procedure e normative); controllo del processo (on-line e off-line; real-time e non; monitoraggio dei sistemi e diagnostica funzionale).
  • Lineamenti dei sistemi di controllo di processo: configurazione, specifiche, algoritmi impiegabili e relativa modellazione informatica; problematiche di messa a punto, taratura e validazione. Metodologie dirette, semi-indirette, indirette e "correttive" per la valutazione delle prestazioni e dello "stato di salute" dei componenti e dell'intero sistema. Diagnosi energetica.
  • Esempi applicativi riferiti a casi reali.

Risultati d'apprendimento previsti

Elementi fondamentali per l'interpretazione del comportamento di macchine, scambiatori di calore e sistemi energetici in condizioni diverse da quelle di progetto.

Inquadrare i criteri informatori, gli obiettivi e le problematiche connesse al controllo di processo di sistemi energetici e di verifica in campo delle prestazioni (collaudo, monitoraggio, diagnostica), fornendo i lineamenti e le conoscenze per configurare, definire e gestire detti sistemi.

Eventuali propedeuticità

Anche se non sono previste propedeuticità formali, prima di frequentare il corso di è consigliato di aver seguito l'insegnamento di Centrali Termoelettriche.

Testi di riferimento

Materiale fornito dal docente.

Ultimo aggiornamento Martedì 07 Giugno 2016 17:06

You are here Insegnamenti Laurea Magistrale Misure, Controllo e Diagnostica dei Sistemi Energetici